+39 333 382 3387 info@stefaniapinci.it

Chi sono

Stefania Pinci è nata a Roma il 28 novembre 1961.

 

Già all’età di otto anni, ha sviluppato quella che sarebbe diventata la sua grande passione nella vita: l’arte della pittura. Ha iniziato a riprodurre i personaggi della “Cappella Sistina” di Michelangelo, concentrandosi in particolare sulla figura della Sibilla Cumana.

La sua passione per questo grande artista l’ha condotta nel mondo dell’arte con la consapevolezza che avrebbe intrapreso studi artistici. Si è iscritta al Primo Liceo Artistico Statale di Roma in Via di Ripetta e ha completato i suoi studi presso la facoltà di Lettere dell’Università La Sapienza, specializzandosi in Storia dell’Arte sotto la guida del Prof. Giulio Carlo Argan.

All’età di diciannove anni, una delle sue opere è stata pubblicata sulla rivista specializzata in arredamento d’interni “AD”. Questa opera raffigurava la Promenade di Monet per una villa nella Costa Smeralda e le era stata commissionata dall’architetto Marika Carniti.

Nel 1990, ha iniziato a partecipare alle sue prime mostre collettive di pittura, attirando subito l’attenzione degli esperti del settore grazie al suo stile pittorico personale, libero dagli schemi accademici e con una chiara visione della sua ricerca artistica.

Nel corso degli anni, ha partecipato a numerose mostre collettive e ha realizzato mostre personali in varie regioni italiane, ottenendo successo sia di critica che di pubblico.

Nel 1996, è diventata membro ufficiale dell’Associazione dei Cento Pittori di Via Margutta, nota a livello mondiale. Nel 2007, ha collaborato con l’architetto Luigi Pezone per la realizzazione di numerose opere d’arte destinate all’Albergo “Imperial Garden” di Montecatini Terme, all’Albergo “Hotel Ghirlandaio” di Firenze e all’Hotel Siena di Roma. Ha inoltre creato sedici opere per l’Atelier dell’Architetto a Napoli.

A Napoli, ha partecipato a diverse esposizioni presso la “Galleria Umberto I”, riscuotendo un notevole successo. Nel 2007, è stata segnalata da Roy Van Dalì, il figlio del famoso maestro Salvador Dalì, all’Associazione “Leonardo Da Vinci”, presieduta dalla critica Lucia Bonacini e dal Prof. Giancarlo Alù, esperto di tribunale per opere d’arte e membro dell’Unione Europea Esperti d’Arte, nonché Cavaliere deII’Ordine del S. Sepolcro Vaticano. Nello stesso anno, il Prof. Giancarlo Alù ha scritto una critica sulle sue opere e nel 2008 le ha conferito la Medaglia d’oro della Critica alla Pittura presso l’Hotel “De Russie” in Via del Babuino a Roma.

Nel corso degli anni, le sue opere sono state recensite e pubblicate su riviste specializzate come “Arte Mondadori”, “Segni d’Arte” e alcune sono state selezionate come copertine sulla rivista “Zoom Su”, distribuita nei principali aeroporti e alberghi italiani ed esteri.

Nel 2008, ha partecipato a mostre organizzate dall’Associazione Leonardo Da Vinci in gallerie americane facenti parte del circuito della Thomas Art Gallery di Los Angeles. Alcune delle sue opere sono state inserite nelle aste europee attraverso la Leonardo Da Vinci. Durante questi anni, ha partecipato a fiere d’arte di rilievo in Italia, tra cui l’Arte Fiera Padova, Vitarte Viterbo, Fiera d’Arte Forlì e Arte Fiera di Genova, in collaborazione con la galleria spagnola GfiIUdÌ di Barcellona.

Sempre nel 2008, è stata oggetto di una tesi di laurea che ha analizzato il colore nelle sue opere.

Il suo percorso artistico l’ha portata a esplorare diversi stili, partendo dal figurativo e arrivando all’informale materico, sperimentando diverse tecniche pittoriche come olio, smalti, polimaterici e acrilici. Ha sviluppato uno stile estremamente personale e riconoscibile, caratterizzato dalla sua grande passione per la natura e gli elementi che la compongono.

La Spatola dell’Anima:

L’Arte Visionaria di Stefania Pinci

Le sue opere sono realizzate con l’uso della spatola, caratterizzate da un cromatismo suggestivo e immediato, in grado di trasmettere sensazioni intense e coinvolgenti, creando una vibrante e inebriante profondità,
simile a una visione onirica.

La figura della donna con gli occhi chiusi è un elemento costante nelle sue opere, fungendo da tramite tra sogno e realtà, simbolo che trae ispirazione dalla figura della Sibilla Cumana, che l’ha affascinata fin dalla giovane età.

Menù di navigazione

Contatti

Presso la Galleria Arte Sempione, C.so Sempione 8/10 – 00141 Roma

Orari di Apertura:
Lun - Sab: 10 - 13 | 16 - 19

Seguimi